I MetallicA rendono omaggio ai Pesadena Boys con una cover di Van Halen “Runnin’ With The Devil”


I METALLICA hanno eseguito una versione abbreviata della canzone classica di VAN HALEN “Runnin ‘ With The Devil” sabato sera (29 luglio) al Rose Bowl di Pasadena, in California. Il cenno di un minuto nella la città natale della band,il frontman dei METALLICA James Hetfield ha tentanto di replicare quelle urla iconiche di Roth , tanto per la gioia dello stadio imballato. “Questo è tutto quello che posso cantare,” Proclamò alla folla dopo la resa improvvisata . “Questo è un piccolo omaggio per i ragazzi di Pasadena,” ha continuato. “Il Chitarrista dei METALLICA Kirk Hammett poi si è lanciato nel riff di apertura di “You Really Got Me”, con l’aggiunta di Hetfield , “il chè non era  male. È stato così bello e divertente. “

Il metraggio professionalmente girato dai METALLICA della cover “Runnin ‘ With The Devil” , insieme a una clip , può essere vista sotto.

Qualche anno fa, Hetfield e il bassista Robert Trujillo hanno parlato dell’impatto di VAN HALEN che aveva su di loro quando erano adolescenti nel sud della California.

“Ricordo di aver sentito su alcune stazioni che stava uscendo il [primo] album di VAN HALEN,” Hetfield ha ricordato. “[Ero come..], ‘ Whoa! Cos’è? È croccante.’ Che ha rizzato i miei capelli. Quando stavo crescendo, VAN HALEN era il più heavy che abbiamo avuto in California”. Trujillo ha aggiunto: “ricordo di aver sentito [‘Eruption’] brillante e ho pensato, ‘ che cosa è, che?! ‘”

METALLICA e VAN HALEN sono stati in tour negli Stati Uniti insieme nel 1988 come parte del pacchetto “Monsters Of Rock” , assieme anche gli SCORPIONSDOKKEN e KINGDOM COMEHetfield ha detto più successivamente circa il trekking: “quell’ intero tour di ‘Monsters Of Rock’ è stato una grande nebbia per me. Quelli erano i miei giorni di Jägermeister. Era brutto tornare da alcune di quelle città più tardi, perché c’erano un sacco di papà, mamme,  mariti e fidanzati in cerca di me. Non buono… Persone che mi odiavano, e non sapevo il perché…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *